Archivi categoria: Twitter

Dipendenza da Internet e dai Social Network

Al giorno d’oggi grazie alle nuove tecnologie, ai telefonini, I-Pad, ecc, ci si può connettere da qualsiasi luogo, a qualsiasi ora del giorno e della notte. Grazie a questo fatto, o a causa di questo, molte persone passano moltissime ore collegati e sviluppano una vera e propia dipendenza dalla rete.
I social network rappresentano oggi un nuovo modo di comunicare, è immediato, la dipendenza nasce dall’esigenza di sapere sempre tutto di tutti in ogni momento, di conoscere nuove persone e di avere dei sentimenti di affetto, o di empatia con altri simili  che vivono anche a km di distanza. Dobbiamo anche dire che molte volte questi incontri in internet divengono poi delle vere e propie amicizie, grazie al fatto anche che ci si incontra, ci si conosce “dal vivo”.
Secondo uno studio, di non ricordo chi, scusate, la donna è più incline a sviluppare una forma di dipendenza da Internet (e te pareva?), forse perchè noi donne siamo più portate ad ascoltare, ad immedesimarci, o forse perchè vorremmo essere ascoltate di più e attraverso la rete troviamo questo conforto e delle voci pronte a risponderci a qualsiasi ora.

Il confine tra dipendente da internet o meno è sottile, se ti riconosci in più di queste comportamenti elencati qui sotto, comincia a preoccuparti:

– usi il  PC o il cellulare, senza accorgerti del tempo che passa;
– senti la necessità di accedere ad internet ogni volta che hai un minuto libero;
– provi soddisfazione del tempo trascorso “in rete”;
– non provi nessun interesse per altre attività che non siano internet;
– ti isoli dalla tua famiglia, dagli  amici;

– non svolgi i tuoi doveri quotidiani;

– hai perso qualsiasi tipo di interesse al di fuori della rete;
– sei nervoso o insofferente se non puoi accedere alla rete.
Ti sei riconosciuti in più di uno di questi atteggiamenti? Mi auguro propio di no!
In ogni caso è buona norma,  per limitare la dipendenza, darsi un orario massimo, entro il quale spegnere tutto.

E’ vero che tutto ciò che succede in rete e che si legge, o almeno una buona parte, sono fatti veri, di vita vera, ma non lasciamoci sopraffare dal web, non lasciamoci condizionare, nulla è più bello di una cenetta con amici, una passeggiata all’aria aperta o giocare con i nostri figli.

Settembre… per noi donne è tempo di propositi

Un contatto che ho in Twitter, una mamma non ricordo altro, (mi scuso), in suo tuo tweet ha scritto “Settembre è il nuovo Gennaio”, se ci pensate bene è vero. Con l’inizio della scuola per noi donne iniziano anche i nuovi propositi, chissa perchè!
Dopo aver allentato la presa che abbiamo di solito sulla nostra vita, grazie alle vacanze estive, quando arriva Settembre, iniziamo a fare progetti per migliorare la nostra vita, il nostro fisico, il nostro tempo, nei nostri pensieri si dilata, sembra che riusciamo a far tutto, per poi scontrarsi con i veri impegni di ogni giorno.

La vita di noi mamme è piena di impegni: il lavoro, i figli da portare a scuola, a fare sport, dagli amichetti, ai compleanni, il marito, magari dei genitori bisognosi, chi più ne ha, più ne metta.
Nonostante tutto noi donne dobbiamo assolutamente ritagliarci del tempo tutto per noi, anche solo mezz’oretta, da passare come meglio crediamo o facendo quello che ci fa star bene, qualunque cosa permetta al cervello di rigenerarsi. Se non lo facciamo, lo stress e l’insoddisfazione accumulate ci rendono più stanche e meno motivate.
Ritagliarsi del tempo per noi serve per sentirci meno frustrate, meno depresso, situazioni che poi si ripercuotono sulla nostra famiglia, con conseguenze deleterie per tutti.
Un’ora in palestra, un caffè con le amiche, un giro al parco una telefonata, un giro nel web, aggiornare il proprio Blog….insomma qualsiasi cosa, basta che sia fatta solo per noi stesse.
Io leggo, leggo, leggo, è una mia esigenza psicologica, se passa una giornata e non sono riuscita a leggere, sento che manca qualcosa, che la giornata non è completa.
Un altro buon proposito sarebbe la dieta, dopo i bagordi estivi, …ma io la rimando a Primavera… 😉

Widget di Twitter per mostrare tutti i tweet sul tuo blog

In molti blog ho visto uno spazio che mostra i nostri ultimi tweet postati su Twitter. Si tratta di un widget ufficiale che può essere configurato direttamente nella pagina apposita di Twitter.
Lo volevo anch’io a tutti i costi, così girando nel web ho trovato un sito che lo spiega benissimo e lo giro a tutti voi. Seguite passo passo la spiegazione e vedrete che funziona.

Si accede al Widget del tuo Profilo e, se siamo loggati su Twitter, si vedrà il nostro username già inserito nell’apposito campo del Nome Utente

widget-profilo-twitter

Ci sono le quattro schede Impostazioni, Preferenze, Aspetto e Dimensioni in cui si possono personalizzare molti parametri del widget. Su Preferenze per esempio si può scegliere di inserire la barra di scorrimento, il tempo di visualizzazione dei tweet e il loro numero

configurazione-widget-profilo-twitter

Su Aspetto si scelgono i colori dei vari elementi mentre su Dimensioni si può scegliere la larghezza del widget oppure selezionare “larghezza automatica” per adattarlo alla dimensione della sidebar in cui verrà inserito. Si va su Prova Impostazioni per visualizzare l’anteprima del gadget e su Concludi e Ottieni il codice per avere l’HTML e lo script da incollare nel blog

Si va infine su Layout > Aggiungi un gadget > HTML/Javascript e si incolla il codice in Sezioni del sito.

Che dite, vi è stato utile quest post??

Vuoi inviare un messaggio nello spazio grazie a Twitter? Usa l’hastag #ChasingUFOs

Se avete voglia di parlare con gli alieni, ora e’ la vostra occasione.
Il prossimo 15 agosto, infatti, il radiosservatorio di Arecibo a Porto Rico trasmettera’ la sua risposta a un possibile segnale di provenienza aliena ricevuto 35 anni fa. L’evento, realizzato da National Geographic Channel, permettera’ a chiunque di inviare 140 caratteri tramite twitter presso l’hashtag ” #ChasingUFOs “.
Gli internauti hanno tempo tra il prossimo venerdi’ 29 giugno e sabato 30 giugno per inviare il proprio messaggio.
   

                                       Tutti i messaggi composti dagli utenti saranno inviati in un’unica trasmissione criptata con lo scopo di raggiungere forme di vita intelligenti nello spazio. La trasmissione di 35 anni e’ stata battezzata signal WOW!, perche’ ha letteralmente sorpreso gli astronomi che per la prima volta l’hanno identificata. Si tratta dell’unico segnale che, in 40 anni di osservazione delle trasmissioni cosmiche, potrebbe non essere rumore di fondo ma l’indicazione della presenza di extraterrestri. La trasmissione era 30 volte piu’ potente della radiazione ambientale e presentava un livello di complessita’ finora non misurato in natura.

Yoani Sánchez e la difficoltà di vivere a Cuba se si ha un blog in cui si scrivono le verità di Cuba

Laureata in filologia nel 2000, alla Università dell’Avana, nel 2002 emigra nella Svizzera tedesca dove impara ad usare il web, ma rientra a Cuba nel 2004. Nell’aprile del 2007 in collaborazione con un server tedesco crea il blog (tradotto in 20 lingue) Generación Y, che le ha dato rinomanza internazionale, dove pubblica regolarmente storie di vita cubana, caratterizzate da un tono critico nei confronti del governo.

È una delle più influenti voci sulla realtà cubana. Yoani Sánchez è il simbolo della voglia di cambiamento dei giovani cubani.
Il suo blog è scritto a Cuba, ma l’accesso è bloccato agli abitanti dell’isola dalla censura ufficiale. Per continuare ad essere letta, è costretta a inviare e-mail ad amici di altri paesi: sono loro a pubblicare i suoi testi online.Sánchez è spesso perseguitata dai mezzi di repressione ufficiali cubani. Nel novembre scorso è stata aggredita e picchiata dalla polizia mentre stava per partecipare a una manifestazione.

Yoani Sánchez ha detto: “Nessuna persona a Cuba usa Twitter come mezzo di libera espressione civica, libera e indipendente dalle organizzazioni governative. Yoani usa molto Twitter per diffondere notizie, perchè in questo modo non deve accedere ad Internet (il suo sito viene spesso bloccato), dato che usa il cellulare.
I cubani che vogliono viaggiare all’estero hanno bisogno di un permesso ufficiale noto come “tarjeta blanca”, che viene regolarmente negato ai dissidenti. Il governo ha respinto diverse richieste della Sánchez per uscire dal paese e ricevere premi, partecipare a conferenze e rispondere ad altri inviti.
Sánchez, autrice del famoso blog Generación Y, pubblicato in Italia da La Stampa ha chiesto diverse volte una spiegazione ma non ha mai ricevuto risposta.
La blogger cubana Yoani Sánchez ha presentato un ricorso al Ministero degli Interni per chiedere i motivi del rifiuto a compiere viaggi fuori dal suo paese. Il ricorso pretende dal Ministro degli Interni, Abelardo Colomé Ibarra, una spiegazione sulla mancata risposta alla richiesta del 18 novembre dove chiedeva il motivo dei rifiuti. Colomé Ibarra adesso dispone di 60 giorni per rispondere e motivare il “silenzio amministrativo”. Se non lo farà, la blogger potrà citare in giudizio il Ministro per esigere una risposta.

Il governo cubano la lascerà uscire?
Nel novembre 2009, il presidente americano Barack Obama , ha scritto che il suo blog “offre al mondo una finestra unica nelle realtà della vita quotidiana a Cuba” e ha applaudito i suoi sforzi.
Yoani vive con il marito, il giornalista indipendente Reinaldo Escobar , e il loro figlio adolescente Teo, in un appartamento in un grattacielo a L’Avana, che si affaccia sulla Piazza della Rivoluzione.

Cuba libre ( Rizzoli ) è il suo primo libro.